Presentazione I Servizi Lo Staff Le Certificazioni La Carta dei Servizi
Clinica Bianchi: Home - Ricovero Day Hospital - Riabilitazione Psichiatrica

RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

Il percorso di cura dei disturbi psichici richiede, talora, l'adozione di interventi riabilitativi personalizzati da realizzarsi in regime di degenza, con l'obiettivo di recuperare il diritto di cittadinanza nonché una migliore qualità della vita personale; infatti, la riacquisizione della capacità dell'abitare è un indicatore di esito importante del processo di cura, riabilitazione e reinserimento sociale del paziente psichiatrico in grave difficoltà relazionale. A tal fine, la necessità di inserimento temporaneo del paziente in una struttura di ricovero che, per tipologia d'intervento, risponda in maniera appropriata allo specifico bisogno, può rappresentare un momento fondamentale del percorso individuale di cura ed assistenza.

Con questo si intende ribadire il concetto, che la cura dei disturbi psichiatrici, per la complessità di interventi che comporta, non si esaurisce esclusivamente all'interno di percorsi sanitari ma si estende al vivere sociale in relazione alle esigenze dell'utente in quella fase del suo percorso terapeutico-riabilitativo.

La Struttura per la Riabilitazione Psichiatrica della Stazione Climatica Bianchi è destinata ad utenti con patologia grave e stabilizzata che necessitano di risposte terapeutiche a bisogni primari, all'interno di progetti complessivi di cura che prevedono l'assistenza per lo svolgimento delle attività di vita quotidiana. Essa ospita prevalentemente utenti affetti da psicosi croniche con elevata disabilità e problematicità del sistema relazionale familiare e/o sociale di supporto.
Le psicosi maggiormente rappresentate sono quelle che riguardano la sfera della ideazione con dissociazione logica della stessa e perdita della critica nel vissuto dell'esperienza personale, quindi con l'interpretazione distorta della realtà.
I sintomi che caratterizzano le psicosi sono deliri persecutori e/o di grandezza, turbe dispercettive acustiche e visive (Allucinazioni), idee di riferimento, significativa perdita del funzionamento sociale, nonché l'avvio di una processualità cronica verso la chiusura ai sistemi relazionali familiari e di contesto e perdita della capacità produttiva.

La Casa di Cura Stazione Climatica Bianchi, nell'ambito di tali patologie, garantisce:

  • l'assistenza continuativa agli utenti
  • la gestione delle dinamiche di gruppo che si originano dalle relazioni degli utenti tra di loro e con il personale;
  • la possibilità di accesso degli utenti alla programmazione e all'organizzazione della vita comunitaria, attraverso idonei spazi di comunicazione e di collaborazione;
  • il coordinamento delle funzioni svolte dal personale coerentemente con il programma terapeutico-riabilitativo individuale;
  • l'integrazione ed il coordinamento con il Dipartimento di Salute Mentale e altre risorse presenti nel territorio.

Sono inoltre garantite le prestazioni relative alla Struttura, quali: la cura degli ambienti, le pulizie, l'approvvigionamento e la distribuzione dei pasti, la segreteria, la tenuta dell'archivio, la documentazione, la farmacia, ecc., nonché prestazioni principalmente rivolte agli ospiti, ovvero:

  • attività riabilitative interne legate alla dimensione di convivenza;
  • attenzione e stimolo a che gli ospiti abbiano sufficiente cura di sé, a partire dall'igiene personale ed immagine sociale, oltre ogni altro necessario aspetto di accudimento degli stessi;
  • somministrazione di farmaci;
  • accompagnamento e sostegno in piccoli acquisti e disbrigo di pratiche burocratico-amministrative;
  • aiuto per eventuali necessità sanitarie, sia all'interno che all'esterno della struttura;
  • attività esterne che garantiscano l'allargamento della rete sociale dell'utente e la progressiva riacquisizione dell'autonomia;
  • mediazione nel rapporto con i familiari;
  • attivazione di situazioni informali di intrattenimento e tempo libero;
  • organizzazione e mediazione di situazioni esterne di svago e socializzazione;
  • sostegno in progetti individualizzati di riabilitazione psico-sociale;
  • partecipazione alla vita comunitaria.

E' garantita la presenza continuativa del personale nelle 24 ore che permette agli utenti di riapprendere, mediante operazioni concrete, capacità semplici di uso di oggetti, di spazi e tempi individuali e di gruppo con la finalità del recupero delle competenze individuali e dei livelli funzionali di autonomia.

Criteri preferenziali di accesso:

  • Età preferibilmente compresa fra i 20 e i 50 anni;
  • Condizioni cliniche di compenso psichico, con disturbi stabilizzati o in fase di remissione;
  • Discreti livelli di autonomia personale;
  • Discreta capacità di autogestione e di osservanza delle regole della vita comunitaria;
  • Assenza o grave conflittualità della rete familiare;
  • Mancanza di risorse sufficienti per consentire l'autonomia abitativa e l'automantenimento;
  • Tattamento terapeutico-riabilitativo in fase avanzata, ma con necessità di ulteriori specifici interventi di autonomizzazione e reinserimento sociale.
  • Formulazione di un Progetto Terapeutico-Riabilitativo Individuale (PTRI) che preveda:
    • gli obiettivi terapeutici da raggiungere;
    • le modalità attraverso le quali produrre il cambiamento;
    • i tempi di attuazione;
    • gli strumenti e i tempi per valutare in itinere i progressi del paziente
  • Assenza di malattie infettive acute o malattie organiche croniche in fase di scompenso e/o franche condotte di abuso.

Attuazione e valutazione del percorso terapeutico riabilitativo

L'inserimento avviene mediante una valutazione preliminare dei bisogni terapeutico-riabiltativi del paziente, attraverso colloqui con il paziente, la famiglia ed eventualmente con il Referente del DSM che ha in carico il paziente, successivamente viene definito il progetto individuale con la sottoscrizione del contratto terapeutico concordato tra il Medico Psichiatra della Casa di Cura, il paziente, la famiglia o il tutore. Nel contratto terapeutico-riabilitativo vengono stabilite le regole comunitarie, nonché gli obiettivi, le modalità ed i tempi di realizzazione dello stesso.

La vita comunitaria è articolata in varie attività sia terapeutiche che socio-culturali quali:

  • Attività riabilitative volte alla acquisizione e ri-appropiazione della Cura del Sé;
  • Recupero di abilità tese alla corretta ed adeguata gestione del proprio spazio abitativo;
  • Trattamento psicofarmacologico;
  • Incontri con le famiglie;
  • Psicoterapie individuali e di gruppo;
  • Attività risocializzanti;
  • Laboratori di piccola professionalizzazione;
  • Laboratori di cucina;
  • Laboratori di arte e musicoterapica;
  • Training di abilità sociale;
  • Formazione al lavoro;
  • Valutazione periodica degli obiettivi raggiunti del Progetto Terapeutico Riabilitativo Individuale (PTRI), mediante strumenti di valutazione (VADO, Life Skills Profile, S.VA.M.A.)

I tempi e le modalità operative sono caratterizzati da elementi di gradualità e talvolta contemporaneità, sono definiti sulla base delle esigenze cliniche individuate e fanno parte integrante del progetto terapeutico-riabilitativo individuale.
Per la valutazione periodica del PTRI è necessario programmare degli incontri periodici di verifica eventualmente allargati alle famiglie o al DSM di appartenenza, al fine di analizzare l'andamento del progetto, gli obiettivi raggiunti e le eventuali criticità emerse dalla lettura dei suddetti strumenti di valutazione (VADO, Life Skills Profile, S.VA.M.A.).

La Dimissione
La dimissione del paziente viene programmata e, se sussiste la necessità, condivisa con il Referente del DSM, al fine di prevedere tutte le misure atte a:

  • sostenere l'assistito e verificare le sue capacità di tenuta fuori dall'ambiente protetto;
  • consentire una riduzione graduale dell'assistenza, assicurando comunque la continuità terapeutica;
  • individuare una terapia di mantenimento;
  • promuovere un processo di autonomia e responsabilità nel contesto sociale.

I pazienti vengono dimessi con un progetto personalizzato concordato con il paziente stesso e la sua famiglia.

Ricovero Day Hospital
L'assistenza a ciclo diurno consiste in un ricovero, o ciclo di ricoveri programmati, ciascuno di durata inferiore ad una giornata, con erogazione di prestazioni multi-professionali e pluri-specialistiche.

Orari di accesso:

dalle 9.00 alle 13.00
dalle 15.00 alle 19.00
Stazione Climatica Bianchi s.r.l.
80055 - Portici (NA) - Via LiberÓ, 342
Centralino - 081.61.19.111
Ufficio Ricoveri - 081.61.19.340
Copyright 2013, Stazione Climatica Bianchi s.r.l. - p.iva: 01286971211